Non sono una tradizionalista convinta (mi basta mia madre per quello), ma neanche un'amante della cucina complicata.
Quando leggo una lista ingredienti lunga mezza pagina, specie se si parla di salati, già sento lo stomaco che si chiude.
Pochi ingredienti, di stagione, che siano in perfetta armonia, con un profumo che sia il loro, irresistibile, profumo naturale.
Questa è la mia cucina... :)

mercoledì 27 maggio 2015

[nonsimangia]: Acqua di Rose

Eccomi qua!
Ricetta che non si mangia…! :)
Maggio è il mese delle Rose per eccellenza.  Ho delle rose stupende in giardino.. in particolare, le rose inglesi. Le ho comprate ormai 4 anni fa, una pianta piccola piccola: mia madre mi disse: “trovami le rose che profumano, è da quando ero piccola che non sento più il profumo delle rose”. Ho trovato queste rose a Herbaria 2012, una manifestazione meravigliosa che purtroppo non viene più replicata da 3 anni. Non saranno belle e non dureranno come altre, ma sono profumatissime!


E’ possibile farsi un tonico delicato e antiage a casa, semplicemente con le nostre rose. E’ facile facile, serve solo un po’ di accortezza e di pazienza!  :)
E quella famosa che si trova in commercio dalla notte dei tempi in una bottiglia blu? Ricercatevi l’INCI e vedrete che vi passerà la voglia di ricomprarla.


ACQUA DI ROSE
Ingredienti:
10 g di petali (2/3 rose inglesi, 1/3 rose coloratissime) ogni 100 g di Acqua
E…
Termometro per alimenti, Alcool Buongusto, Cartine tornasole per misurare il pH, acido citrico, q.b.

Ho utilizzato un metodo che ho trovato su internet, della dott.ssa Penazzi, che consente di non perdere le proprietà della rosa. Si preparano i petali, che devono essere di rose, ovviamente, non trattate. Non vanno lavati ma al massimo puliti con una pezza di cotone.
I petali vanno messi a bagno per un’ora in acqua fredda, nelle proporzioni di cui sopra. Dopo di che l’acqua con i petali si mette a bagnomaria, in un recipiente coperto, per una ventina di minuti, facendo attenzione a non far salire la temperatura dell’acqua oltre i 60°C (vi servirà un termometro da cucina, oggi molto facile da reperire).
Dopo l’acqua va messa in un barattolo di vetro chiuso, sterilizzato con alcool alimentare (Buongusto, lo trovate in ogni supermercato al banco liquori), con ancora i petali dentro, e fatta raffreddare. Una volta raffreddata, aiutandovi con un colino e delle garze sterili appoggiate sopra, scolate l’acqua e strizzate ben bene i petali, che ormai avranno perso tutto il loro colore.


ORA: il pH della pelle è leggermente acido.

Il pH del l’acqua invece, come sapete benissimo è neutro (7). Il pH ideale per un tonico è tra 4.5 e 5.5.
Per misurare il pH di una soluzione a casa, occorrono le cartine tornasole. Queste si comprano su Internet, su e-bay o in siti specializzati che vendono prodotti per la creazione di cosmetici fatti a casa, a pochi euro.
Per abbassare il pH della nostra Acqua di Rose, utilizzate una soluzione di Acido Citrico al 20%.
L’Acido Citrico lo trovate facilmente in Farmacia, in polvere anidra. Per preparare la soluzione sciogliete quindi 2 g di Acido Citrico ogni 10 g di acqua, mescolando molto bene.  
Quindi, aggiungete una goccia per volta di soluzione all’Acqua di Rose, misurando di volta in volta il pH. Quando avrete ottenuto un pH intorno a 5, fermatevi.
QUESTA OPERAZIONE è PER OTTENERE UN TONICO EFFICACE. Altrimenti potete lasciare il pH così com’è, sarà un acqua profumata e ricca, da usare sul viso dopo la detersione.


Ora avete due strade:
  1. CONGELAMENTO: essendo un infuso, l’Acqua di rose si degrada molto rapidamente. Potete congelarla in monoporzioni (usate i contenitori del ghiaccio ;) ), e scongelarne una ogni volta che ne avete bisogno.  Ovviamente una volta scongelata va usata entro 24h. 
  2. ALCOOL: potete aggiungere un 15-20% di Alcool Buongusto. A questo punto la volta AdR si conserverà per 2-3 mesi, in frigo. Va bene come soluzione, ma l’alcool è aggressivo… e non ha un grande odore. Io preferisco la prima soluzione, ma questa comunque è valida. 



Potete usare anche i petali secchi. I petali freschi sono migliori per un azione anti-age. Il profumo: nell’acqua congelata si mantiene! ;)

Spero di avervi regalato una ricettina che vi piace…
A presto,

Babi 

martedì 31 marzo 2015

[nonsimangia]: Panetto detergente delicato alla Farina d'Avena e Miele




Ciao a tutti!
Seconda ricetta che nonsimangia! :)

Ho fatto un grosso ordine in un sito di materie prime... per poter creare una crema viso all'aloe. Nell'attesa (non so star ferma!), spulciando tra le ricette del forum Natura è Bellezza, ho fatto questo STUPENDO panetto detergente, creato dalla splendida Gattamartina.

E' stato inizialmente formulato per una bimba col la dermatite, quindi è estremamente delicato.

E' molto facile e si fa con tutti ingredienti reperibilisssimi. Tutte cose che si mangiano tranne il glicerolo, che comprate in farmacia!

Ho modificato gli ingredienti in funzione di quello che avevo in casa.

PANETTO DETERGENTE DELICATO ALLA FARINA D'AVENA E MIELE
Ingredienti:
3 cucchiai di farina d'Avena;
1 cucchiaio di amido di riso (o mais);
1 cucchiaino di olio di riso;
1 cucchiaino di glicerolo;
1 cucchiaino e 1/2 di miele bio;
1 fialetta di aroma per dolci alla vaniglia;
E...
chiodi di garofano.

Setacciate la farina con l'amido. 
In una ciotola versate tutti i liquidi e aggiungeteli poco per volta alla farina fino a raggiungere la consistenza desiderata.
Deve essere comunque morbido ma non appiccicoso.

Una volta ottenuto il panetto, infilateci dentro 4-6 chiodi di garofano, utili per preservare il panetto, che comunque, non contenendo acqua, se non si bagna si conserva per mesi.

Per utilizzarlo: staccatene un pezzettino, mettetelo sul palmo, e aiutandovi con un po' d'acqua trasformatelo in una cremina e usatelo per lavarvi il viso. Può essere usato anche come maschera lenitiva.
Una ricetta meravigliosa, che profuma di buono!
Stupenda!

Questa strada della cosmetica ecobio mi sta dando tante soddisfazioni. 

Besitos,
Babi

venerdì 27 marzo 2015

Cioccolata calda in tazza.




"Ora che abbiamo toccato il fondo si può solo risalire, no? Stai tranquilla, sai quello che devi fare." 
Me l'ha detto una persona di cui ho una stima profonda. Un cervello incredibile, ma come succede, spesso, un brutto carattere. 
Auguro ogni bene del mondo a questa persona, che mi ha fatto capire tanto di me.
In bocca al lupo.


Il fondo... 
Per ripartire serve coraggio.
Devo ringraziare tantissimo le persone che mi sono più vicine in questo momento.

I miei amici.
Siete così meravigliosi che mi fate pensare che se vi ho incontrato qualcosa di buono devo averlo fatto!
Vi amo!

Quando le cose non vanno per il verso giusto, non so voi, ma io vado alla ricerca di serotonina.
Ricetta rielaborata da questa.

CIOCCOLATA CALDA DENSA
Ingredienti (per due tazze):
300 ml di latte, circa (300 ml di base, ma tenetene a portata di mano altro, all'occorrenza*);
50 g di cioccolato fondente in tavoletta;
60 g di cacao;
25 g di amido di mais o di riso;
25 g di zucchero.
E...
panna, o granella di nocciole, pinoli, meringhe, amaretti... ecc ecc.

Iniziate scaldando il latte in un pentolino.
Nel frattempo sciogliete il cioccolato fondente a bagnomaria o nel microonde.
In una ciotolina mescolate cacao e amido di mais, setacciandoli insieme per non lasciare grumi, e aggiungete uno o due cucchiai di zucchero (dipende da quanto la volete dolce: senza zucchero è molto...amaro fondente!). Versateci dentro il latte quasi bollente, filtrandolo con un colino. 
Unite il cioccolato fuso e riportate il composto sul fuoco per un paio di minuti, il tempo che inizi ad addensarsi, mescolando energicamente con l'aiuto di una frusta.
Spegnete il fuoco e versate la cioccolata nelle tazze. 
Completate con panna, o (come ho fatto io) granella di nocciole, o quello che preferite, e servite calda.

*Consiglio: può capitare, che se lasciate troppo il pentolino sul fuoco, o la pentola che usate non è adatta allo scopo, che la cioccolata, addensandosi inizi a fare grumi. Nessun problema! Basta che aggiungete un po' di latte (una volta addensata non tornerà, liquida, tranquilli! :) ) e poi ci andate giù pesante con le fruste elettriche o il il frullatore ad immersione. In un minuto, la vostra cioccolata sarà perfetta come quella del bar.
Provare per credere!
Potete anche prepararvi la miscela di cacao/amido/zucchero in anticipo e utilizzarla quando avete voglia aggiungendo il latte.
Il cioccolato, potete usarlo fondente o al latte (purché di buona qualità), oppure potete anche non metterlo, anche se ovviamente il risultato saprà più di cacao.

Buone coccole,
buona vita.
Baci,
Babi

venerdì 6 marzo 2015

[nonsimangia!] Balsamo labbra semplice con Olio di Argan


Con questo post si apre ufficialmente - l'era?- la rubrica: "nonsimangia" dedicata all'home-made in fatto di cosmetica naturale, detergenza e co. tutto naturale, vegetale, bio, e fatto con le mie manine!

Tutto è iniziato con uno shampoo che ho provato per caso. 
Quando provate per la prima volta un prodotto naturale notate due cose: la prima, è che non assomiglia minimamente ai prodotti commerciali, la seconda, è che è migliore. Nei prodotti "da supermercato", e non solo, ci sono tante di quelle schifezze plasticose e aggressive che sia benedetto il cielo che le più han nomi assurdi e indecifrabili.

"Devi vedere che pelle liscia ti fa! Sembra velluto!". 
Primo ingrediente: Dimethicone. Ma chiamiamolo col suo nome: Polidimetilsossano. In altri termini: SILICONE.
Se vedete qualsiasi dei vostri shampoo, creme, e altro, troverete questa piccola meraviglia di plastica quasi ovunque. Crea un grandiosa patina che ti da l'effetto morbido e vellutato. Senza idratare effettivamente la pelle.
Per dirne uno... siliconi, petrolati, parabeni..... già sentiti vero?

Tutto grandioso.
Ma: esistono alternative!! Anche nei supermercati esistono alternative!
Saponi non aggressivi, creme semplici ma che idratano davvero.
Ma non sono così semplici da trovare i prodotti davvero di qualità. 

Anche per questo, ho pensato di iniziare a produrmi qualcosa da sola! :)

Questo è il mio primissssimo balsamo labbra. E' molto semplice.
Tutti gli ingredienti li reperite con facilità su internet o anche in negozi specializzati.

Grazie a tutti i ragazzi di "La natura è bellezza", un forum pieno di gente in gambissima che mi sta aiutando in questa iniziazione alla cosmetica naturale. Grazie.
Tutte le ricette che pubblicherò verranno dai bravissimi "spignattatori" di questo fantastico forum!
E grazie al mio compagno di viaggio, il mio amico Matteo.


BALSAMO LABBRA SEMPLICE CON OLIO DI ARGAN
Ingredienti (tutto bio):
5 g di cera d'api bianca;
2 g di olio d'argan;
3 g di olio di riso;
5 g di burro di karitè.
E...
15 gocce di fragranza naturale vegetale.

A bagnomaria fate sciogliere la cera d'api, mescolando. Dopo di che aggiungete burro e oli, senza scaldarli troppo: giusto il tempo di far sciogliere il burro e amalgamare il tutto. Togliete dal bagnomaria e fate intiepidire mescolando di continuo. Quando sarà freddato, aggiungete le gocce di fragranza.


Potete omettere il profumo, ma l'odore dell'olio è pungente. Potete sostituire gli oli con l'olio vegetale che volete! 
Non essendoci conservanti, ed essendo un prodotto a base grassa (che può irrancidire), lo userò al massimo un mese.

Spero che questa ricetta che non si mangia vi sia piaciuta... <3 i="">

A presto,
carissimi!!

Vostra,
ispirata dalla Natura,
Barbara

lunedì 26 gennaio 2015

Torta delle Rose... di Valeria

Salve a tutti, 
miei carissimi lettori.

Oggi ho una bella ricetta per voi, non mia, ma di una piccola pasticcera in erba che ho avuto il piacere di conoscere tra le lezioni all'Università!

Questa è la Torta delle rose di Valeria!



TORTA DELLE ROSE (ricetta di Valeria Giobbi)
Ingredienti:

Per l'impasto
350g di farina; 
150 ml di latte tiepido;
3 cucchiai di olio di semi;
3 tuorli;
1 cucchiaio di zucchero semolato;
una scorza di limone;
25g di lievito di birra fresco (un panetto);
un pizzico di sale.      

Per la crema
150g di zucchero semolato;
150g di burro

Mettere in una ciotola il latte tiepido, l'olio d semi, i tuorli, lo zucchero e la scorza di limone grattugiata e sbattere con la frusta tutti gli ingredienti. Aggiungere poi la farina, il panetto di lievito spezzettato ed un pizzico di sale. Impastare il tutto fino a  formare un panetto d pasta morbido. 
Stendere la pasta con un mattarello a formare un rettangolo.
Nel frattempo preparate la crema montando lo zucchero con il burro ammorbidito (io l'ho sciolto in un pentolino). Una volta pronta la crema,  spalmarla sul rettangolo e arrotolare il tutto partendo dal lato più lungo del rettangolo, formando un rotolo, e tagliare poi delle fette a formare delle roselline. 
Posizionare le rose arrotolate una vicino all'altra ed in senso orizzontale in uno stampo a cerniera, foderato di carta forno. 
Far lievitare la torta per circa un oretta ed infornare a 180°C per circa 30 minuti. 
Quando la torta sarà tiepida, tirarla fuori dallo stampo e decorarla con una spolverata di  zucchero a velo.

Se avete dubbi, domande o volete un consiglio, scrivetemi una mail (l'indirizzo lo trovate in alto a destra!) o lasciate un commento qui sotto! Io provvederò a girarla a Valeria!

Spero che questa strepitosa ricetta vi piaccia quanto piace a me!

Besos,
vostra,
Babi
Related Posts with Thumbnails