Cerchi qualcosa in particolare? // Looking for something specific?

mercoledì 2 novembre 2011

Frascarelli (quelli veri!). [Marche]





Li frascarélli, proprio alla Marchigiana maniera! 

Mi hanno raccontato di un video horror, di una trasmissione se non sbaglio su Rai Uno (non ho controllato per paura di morire dopo 7 giorni, o se non altro di scoppiare a piangere) in cui impastavano farina con acqua e uovo, e poi ne ricavavano dei micrognocchetti che lessavano in acqua bollente. EH?!?!?! Ma che è??! In effetti non c'è una sola ricetta per farli ma così chiamateli come volete ma Frascarelli proprio non sono!

Se volete i Frascarelli ve lo dico io come si fanno! :)

In effetti ci sono diverse tradizioni familiari, anche nel condimento. 
I Frascarelli, come buona parte delle ricette tipiche marchigiane e in particolare del maceratese, hanno origine povera, contadina. Infatti sono fatti semplicemente con acqua e farina, e conditi come se fossero una polenta. Deliziosi e semplicissimi.
Da fare non tanto, nel senso che serve esperienza, nel senso che come li faceva nonna Sesta non li fa nessuno, ma diciamo che ci sto prendendo mano!


  • La ricetta originale è acqua e farina. Per 4 persone ci vogliono:                                     - 500 - 600 g di farina di grano tenero;                                                                     - 1 bicchiere di acqua circa;                                                                                     - 1 litro circa d'acqua bollente, leggermente salata, per cuocere.                                                                           
Si pesa la farina e si mette in una ciotola. Poco alla volta si aggiunge l'acqua per i granelli. I Frascarelli sono i granelli che si formano! Non va impastato, va raggranellato! :D Ci si aiuta con le dita delle mani, come se pizzicaste la farina, per cercare di formare più granelli possibili. Non importa se rimane un po' di farina non granellosa. Quando l'acqua per cuocere bolle, versateci dentro, poca alla volta, la farina raggranellata e cuocete, mescolando con una frusta o un cucchiaio di legno, fino a quando i Frascarelli si siano un po' ristretti, orientativamente 10 minuti.
Versate sulla spianatoia, o sui piatti di legno da polenta monodose, fate freddare un minuto poi condite a piacere.


  • La ricetta della mia famiglia, tecnicamente un po' più facile e anche più saporita, prevede l'aggiunta dell'uovo:                                                                                 -600 g di farina di grano tenero;                                                                               -2 uova piccole;                                                                                                     -1 litro circa d'acqua bollente, leggermente salata, per cuocere.
Si procede esattamente come sopra, con la differenza che i granelli si formano non con l'acqua ma con l'aggiunta dell'uovo leggermente sbattuto. 


  • E poi c'è la versione con il riso... che conosco di fama ma non l'ho mai preparata! Anche in questo caso ci sono più versioni. Vi linko qui una ricetta che ho trovato sul web, anche se penso che la nonna della mia amica non la faccia così. Mi informerò! :)


I Frascarelli possono essere conditi in ogni modo, ognuno ha il suo. 
La madre del mio fidanzato li preferisce con una salsa leggerissima di pomodoro, insaporita con il burro e tanto tanto parmigiano grattugiato. Una volta li ho mangiati con un sugo allo scoglio, deliziosi! 
Io e la mia famiglia di solito li facciamo con il sugo della nonna, quello con "i culetti della lonza"! Cioè: fate soffriggere la cipolla in olio extravergine d'oliva, aggiungete la parte terminale della lonza (il culetto) a dadini, un po' di pancetta, salsiccia o prosciutto crudo... in pratica quello che avete a casa, chi più ne ha più ne metta! Poi pomodori a pezzi. Certo non è proprio leggerino ma una volta tanto si fa, no? 

Io li adoro!! Provateci!
MADE IN MARCHE 100%, diffidate dalle imitazioni! ;)

Un baciotto a tutti!
Barbara

5 commenti:

giovanni uno storico in cucina ha detto...

si impara sempre qualcosa.. non li conoscevo i frascarelli (quelli veri..:-)) ed ora ho una nuova idea per un pranzo gustoso..
grazie

carla ha detto...

innanzitutto complimenti egrazie per aver postato una ricetta super tipica e per giunta di famiglia,poi devo dire che preferisco quelli della tua nonna!!!

meggY ha detto...

Non conoscevo nemmeno io i frascarelli, ma darei di tutto per assaggiarli perchè sembrano golosissimi,grazie per la ricetta!Baci

Giovanni Giammichele ha detto...

Forse veramente il piatyo più povero in assoluto, ancor di più della polenta.....ma ragazzi io ogni volta che li vedono mi sorride la pancia come quando i bambini vedono la cioccolata....

Anonimo ha detto...

Quanto sono buoni...da buona marchigiana mia suocera li ha fatti oggi col riso...mhhhhhh ancora mi lecco i baffi!

Related Posts with Thumbnails